Home | 200 arbitri allo Stage Nazionale di Lignano

200 arbitri allo Stage Nazionale di Lignano

LIGNANO SABBIADORO (UD) – Il CSI i propri arbitri è abituato a prepararseli in casa. Il motivo è chiaro: avere la mentalità giusta per districarsi nell’incrocio tra regolamenti, anche un po’ speciali (ad esempio, l’uso del cartellino azzurro nel calcio), e comportamenti adeguati a chi vuol fare dello sport una missione educativa. Ogni anno, quindi, in primavera, dopo una stagione di stages a livello regionale ed interregionale, il lavoro va ad affinarsi e a concludersi con lo Stage nazionale. A Lignano si comincerà oggi pomeriggio, tutti insieme i 200 direttori di gara: 40 fischietti del calcio a 11, 26 del calcio a 7, 36 del calcio a 5, 25 di basket, 35 di volley, e ben 38 under 25, quasi tutti debuttanti ad un evento nazionale. Il programma prevede infatti una parte di lavoro in comune sulla gestione dei comportamenti, qualità da possedere e difetti da evitare, e una parte separata di approfondimento per singola disciplina. A guidare la prima saranno il formatore nazionale Stefano Faletti e il referente nazionale della classe arbitrale, Alessandro Rosi. Gli arbitri ammessi allo stage nazionale provengono da : Abruzzo (4), Basilicata (2), Calabria (3), Campania (13), Emilia Romagna (33), Friuli Venezia Giulia (1) Lazio (13), Liguria (3), Lombardia (55) , Marche (7) , Piemonte (24) , Puglia (8), Sardegna (1), Sicilia (14), Toscana (6) , Umbria (10) e Veneto (11) . Dal comitato di Milano partiranno in 16, da Lecco e Torino in 13. Roma avrà a Lignano 10 direttori di gara, mentre Napoli e Perugia 8 a testa. Brescia, Como e Varese saranno rappresentate da 6 fischietti ciascuna, 5 invece quelli dei comitati di Bologna, Carpi, Padova e Parma. Sono 4 per Reggio Emilia, Ostuni, Cuneo e Cesena. Dopo i test regolamentari, sabato in mattinata si scende in campo per le prove atletiche. A curare le valutazioni delle prove fisiche saranno i due specialisti sportivi, il medico Giovanni Boni e il preparatore atletico Andrea Capodicasa. Lavoro specifico invece per gli under 25 – prosegue con ottimi risultati il progetto “Arbitri per il futuro” – pressoché tutti debuttanti ed in procinto di essere chiamati a dirigere le finali dei campionati nazionali under 14, nelle varie discipline.

L’autore - Chi è Redazione

Settimanale d'informazione del Centro Sportivo Italiano Comitato di Ravenna

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. I campi contrassegnati sono obbligatori *

*

BIGTheme.net • Free Website Templates - Downlaod Full Themes