Home | Arbitri senza età, il più longevo ha 83 anni

Arbitri senza età, il più longevo ha 83 anni

VICENZA – La passione per il calcio non ha età. Ma non è un discorso che riguarda solo ai giocatori, bensì anche gli arbitri. In Veneto c'è un direttore di gara del CSI che il prossimo 25 novembre compirà 83 anni (si, avete letto bene, nato nel 1926!) e che non ha nessun intenzione di smettere. Parliamo del signor Aldo Parise, che solo adesso, nella sua Vicenza, sta decidendo se ritirarsi dall'attività nella prossima stagione. Nel frattempo continua ad arbitrare, da partite di calcio a 5 e a 7, fino alle classiche su campo da 11, come gli è capitato due mesi fa nel carcere della sua città: "Ho diretto un’amichevole tra i detenuti e la squadra di una scuola – ha dichiarato Parise al quotidiano La Stampa – Lì si fa sul serio. C’è gente che ha commesso robe brutte, un tizio con tre ergastoli, un altro che ha ammazzato la nonna perché non gli dava i soldi per la droga. Però in campo i carcerati sono perfetti. Se entrano duro si scusano subito". Fino a due anni fa il fischietto veneto era ancora in organico per i campionato più impegnativi del Centro Sportivo Italiano: "Ultimamente – fa notare – mi assegnano ai tornei a 7 o a 5, con il campo più ridotto ma dove la vista deve esser buona e si gioca molto di notte, la mia specialità, ne ho fatti così tanti. Il dottore mi continua a dire di non aver mai visto niente del genere. Ho fatto l’elettrocardiogramma sotto sforzo, mi ha provato il fiato ed era quello di un calciatore: cercava una ragione per fermarmi e non l’ha trovata. Dovrei tornarci per il rinnovo. Non so se farlo. Forse mi troverà invecchiato". Un vero fenomeno di longevità tra i fischietti, che ha diretto più di 4mila partite, senza mai un'invasione di campo o un'aggressione e non più di 6/7 esplulsioni in tutto. Una volta fu anche chiamato a sostituire, in incognito, il famoso Gonella per un'amichevole della Juve a Nichelino e fu poi costretto a firmare gli autografi con quel cognome… . Un bel manifesto del calcio sano e pulito, e nonostante gli 80 anni suonati, ancora nessuno si è mai permesso di rinfacciargli la vecchiaia: "No, anzi dai 65 anni fino a oggi l’atteggiamento dei giocatori si è fatto più rispettoso – ha ammesso Parise -, forse perché posso esserne il nonno o forse perchè ammirano una persona che non si piega all’età".

L’autore - Chi è Redazione

Settimanale d'informazione del Centro Sportivo Italiano Comitato di Ravenna

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. I campi contrassegnati sono obbligatori *

*

BIGTheme.net • Free Website Templates - Downlaod Full Themes