Home | Calcio dramma: morti 3 dilettanti

Calcio dramma: morti 3 dilettanti

Fine settimana choccante per lo sport amatoriale. Tre calciatori dilettanti sono morti tra venerdì e sabato a causa di tre malori di differente natura, ma che pongono identici dubbi sui metodi di rilascio dei certificati di idoneità fisica per l'attività non agonistica. Venerdì nel Ferrarase è morto Alex Farinelli, 30 anni, sabato sono deceduti E.B., 19 anni, nel Viterbese e un finanziere di 47 anni a Chieti. La prima vittima dell'allarmante fine settimana è stata Alex Farinelli che a Poggio Renatico, mentre si disputava la gara di terza categoria tra la formazione locale e il Coronella dove militava la vittima, si è accasciato al suolo battendo il capo dopo avere accusato un misterioso malore. A nulla sono valse le cure dei medici e il giovane è deceduto dopo mezz'ora. A quanto risulta Farinelli non soffriva di disturbi cardiaci, ma i carabinieri per ordine della Procura stanno effettuando le indagini del caso per chiarire non siano state rispettate le procedure medico-sportive. A Civita Castellana, nel Viterbese, è invece morto sabato sul campo dell'Istituto tecnico industriale Midossi il 19enne E.B. al termine della partita che si disputava nel corso dell'ora di educazione fisica. Il ragazzo prima di sentirsi male aveva avuto il tempo di dire ai compagni: "Mi sento affaticato, mi metto in porta". Poi è caduto a terra esanime. Anche in questo caso i genitori hanno dichiarato che il giovane non soffriva di alcuna patologia particolare. Infine a Crecchio durante una partita del campionato di calcio amatoriale, un maresciallo della Gdf di 47 anni è spirato vittima di un arresto cardio-circolatorio. All'arrivo dei sanitari per l'uomo non c'era già più niente da fare.

L’autore - Chi è Redazione

Settimanale d'informazione del Centro Sportivo Italiano Comitato di Ravenna

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. I campi contrassegnati sono obbligatori *

*

BIGTheme.net • Free Website Templates - Downlaod Full Themes