Home | Campobasso: avanza il Progetto ''Regolati Tu''

Campobasso: avanza il Progetto ''Regolati Tu''

CAMPOBASSO – Il Presidente del Comitato Regionale CSI Molise ha sottoscritto con gli Istituti di pena di Campobasso ed Isernia una convenzione riguardante i contenuti del progetto del CSI ''Regolati-Tu'', approvato dalla Direzione Regionale dell'Amministrazione Penitenziaria ed inserito a pieno titolo nel piano dell'offerta rieducativa dei medesimi Istituti. Il progetto prevede, in particolare, la realizzazione di un corso per arbitri di calcio e calcio a 5 per i detenuti di Campobasso ed un corso per allenatori di calcio per Isernia, che vedrà tra i docenti principali Marco Maestripieri già bandiera del Campobasso Calcio ed attualmente tecnico federale Coverciano; inoltre un tecnico CSI sta assicurando la sua presenza all'interno delle palestre presenti per un corretto utilizzo delle attrezzature-macchinari di fitness e per lezioni di ginnastica all'aperto. La risposta dei detenuti è stata complessivamente molto buona tanto che si è dovuto articolare due turni per l'impiego delle palestre a disposizione. La Dirigente dell'Area educativa D.ssa Brancaleoni ed il personale della Polizia penitenziaria, in modo particolare quello addetto all'area tratta mentale, hanno evidenziato una grande professionalità e sensibilità nell'assecondare l'incontro tra i detenuti e la proposta del CSI. Questa collaborazione sarà sviluppata ed ampliata nel tempo: il CSI metterà a disposizione le sue competenze anche per l'attivazione di laboratori espressivi che possano aiutare i volontari – che già operano all'interno degli Istituti – a progettare attività per e con i detenuti da spalmare sull'intero anno. Tutta l'Associazione del CSI molisano, nelle sue diverse componenti, è impegnata in questo percorso di approfondimento dei valori e delle esperienze belle dello sport a partire dalla scoperta delle regole come strumento a servizio della legalità, del rispetto e riconoscimento degli altri (è il TU nel titolo del progetto) e di se stessi (la regola come modalità per auto-disciplinarsi). Allora lo sport può diventare per davvero una esperienza che può contribuire a dare un po' di senso alla vita delle persone che vivono la condizione di reclusi all'interno del carcere.

L’autore - Chi è Redazione

Settimanale d'informazione del Centro Sportivo Italiano Comitato di Ravenna

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. I campi contrassegnati sono obbligatori *

*

BIGTheme.net • Free Website Templates - Downlaod Full Themes