Home | E’ Serie A1: siamo tornati al nostro posto

E’ Serie A1: siamo tornati al nostro posto

RAVENNA – Non ci sarebbe molto da aggiungere sulla settimana pallavolistica che si è appena conclusa, sebbene si siano verificati due eventi che per il nostro volley hanno dell’incredibile: la scomparsa di Giorgio Ghinassi avvenuta sabato e il ritorno in Serie A1 della Robur Marcegaglia CMC. Se del primo fatto abbiamo parlato in un'altra news, ora vogliamo esprimere la nostra gioia per la promozione nella massima serie della storica società pallavolistica ravennate; una gioia che, ne siamo certi, anche il caro Giorgio avrebbe condiviso dal profondo del proprio cuore. Che la promozione in A1 fosse nell’aria già si respirava dopo la partita di Padova, ma arrivarci così, all’ultima giornata della regular season e vincendo in casa sotto il delirio del proprio pubblico è quanto di meglio ci si possa aspettare dallo sport. Spalti pieni, fila al botteghino fin dal mattino, maxischermo all’ippodromo (offerto dalla Pro Loco di Marina perché in Comune non ci son soldi nemmeno per quello) è stato un pomeriggio indimenticabile per tutti gli amanti del volley. Un 3-1 rifilato alla Sir Safety di Bastia Umbra e una festa e un tripudio d’altri tempi. Noi della pallavolo CSI ne siamo felici; non solo in quanto appassionati e tifosi, ma anche perché siamo consapevoli che la A1 è il posto della pallavolo ravennate, il nostro posto. Ma soprattutto ne siamo felici per i risultati che tutto questo porterà: un ritorno della passione verso lo storico sport ravennate ma soprattutto una iniezione di entusiasmo verso il volley maschile, che sta vivendo anni di triste declino. Ormai la pallavolo sta diventando uno sport solo femminile, ma l’immagine vincente della nostra massima squadra avrà un effetto benefico verso i maschietti, ormai attratti più dal “dolce far niente” che dal praticare qualsiasi altro sport. E allora complimenti a Luca Casadio, il bravo medico pediatra e presidente della Robur, che 5 anni fa ha accettato una sfida che pareva inverosimile: quello di prendere lo storico blasone della più antica società pallavolistica ravennate già detentrice di 5 titoli italiani e di riportarla sulla grande ribalta nazionale.

L’autore - Chi è Redazione

Settimanale d'informazione del Centro Sportivo Italiano Comitato di Ravenna

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. I campi contrassegnati sono obbligatori *

*

BIGTheme.net • Free Website Templates - Downlaod Full Themes