Home | Sport e Chiesa | Gli oratori ravennati lanciano la sfida
Gli oratori ravennati lanciano la sfida

Gli oratori ravennati lanciano la sfida

Si è svolta ieri sera la prima riunione del Coordinamento degli Oratori della diocesi di Ravenna-Cervia, convocata dall’arcivescovo monsignor Lorenzo Ghizzoni e coordinata da Don Stefano Bucci, Responsabile dell’Ufficio per la Pastorale Giovanile. Presenti alla riunione oltre 40 partecipanti, sacerdoti e laici, in rappresentanza di moltissime parrocchie della città e del forese, il Presidente del CSI Guizzardi e il Vice Presidente Bondi, il Direttore dell’Ufficio Famiglia Edo Assirelli e il Presidente di Azione Cattolica Fabio Zannoni. Scopo del Coordinamento sarà quello di creare un percorso comune di sviluppo delle attività degli oratori parrocchiali, di mettere in rete esperienze, risorse e know how, di organizzare iniziative ed eventi comuni e di disegnare itinerari formativi per educatori e animatori, con l’obiettivo di far crescere le realtà degli oratori come luoghi educativi per i giovani del nostro tempo: Gli oratori, così come li intende la Chiesa, non sono solamente dei semplici luoghi sicuri dove “depositare” i propri figli, ma realtà complesse di educazione globale, di servizio alle famiglie e ai giovani, di sviluppo delle potenzialità e dei talenti personali, dei veri e propri “laboratori vocazionali” dove ogni ragazzo trova, alla luce della Fede, la propria strada nella vita.

Le varie attività che si vorranno sviluppare negli Oratori, che saranno coordinati da un tavolo di lavoro formato da esperti del settore, vanno dalla attività sportiva organizzata, a quella ludica, dalla attività culturale a quella formativa, per finire al doposcuola e aiuto allo studio, alla musica, al teatro, al gioco e più in generale le attività di aggregazione e di promozione sociale. In questo percorso l’oratorio si pone come nuovo importante soggetto sociale ed educativo di interlocuzione con tutti e come alternativa che arricchisce tutta la comunità; in esso è importante sia la passione educativa, che la grande preparazione degli animatori, per i quali non si può escludere anche un impegno che dal volontariato occasionale diventi pienamente professionale, sia infine l’attenzione economica verso quelle famiglie che non si possono permettere un tradizionale doposcuola o una società sportiva federale per i propri figli. Il ruolo del CSI come interlocutore privilegiato di supporto e di servizio agli oratori della diocesi, è stato più volte ribadito e sottolineato, e la presenza dei dirigenti della associazione ha dato un forte contributo di idee e proposte ai lavori della assemblea.

La riunione del Coordinamento, che poi ha svolto la seconda fase dei lavori diviso in 3 gruppi, due di laici e uno di sacerdoti, ha dato indicazioni chiare sia sulla possibile composizione di un tavolo di lavoro che sulle esigenze e gli obiettivi, delineando la mappa dei successivi passi da compiere nei prossimi 18 mesi. La serata è stata conclusa dall’arcivescovo Lorenzo, visibilmente soddisfatto per una partecipazione così numerosa da andare oltre la capienza della sala, così motivata e appassionata e così qualificata. Monsignor Ghizzoni ha perciò concluso esternando tutta la sua motivata speranza nella riuscita di questo progetto. Dal canto suo, anche il CSI esprime tutta la propria soddisfazione: da anni, all’interno del Comitato, era nato il Tavolo delle Parrocchie con l’obiettivo di coordinare le attività di quelle più attive e per anni ha stimolato che questo progetto avesse un respiro diocesano anziché puramente associativo. La realizzazione di questi auspici ha dato nuova spinta al CSI che si è reso pienamente disponibile al servizio e supporto del Coordinamento e di tutti gli Oratori.

L’autore - Chi è Redazione

Settimanale d'informazione del Centro Sportivo Italiano Comitato di Ravenna

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. I campi contrassegnati sono obbligatori *

*

BIGTheme.net • Free Website Templates - Downlaod Full Themes