Home | Sport e Chiesa | Il CSI Ravenna saluta Papa Francesco

Il CSI Ravenna saluta Papa Francesco

Alle 19,06 una intensa fumata bianca annunciava in Vaticano che la sede pontificia, lasciata da Benedetto XVI, aveva un successore. Dopo un’ora il lieto annuncio: il Cardinal Jorge Mario Bergoglio, il 76enne arcivescovo di Buenos Aires, è il 266° papa, con il nome di Francesco. Di origini italiane (Asti), Papa Francesco è perito chimico e dottore in filosofia. Per lunghi anni insegnante e rettore universitario, è stato nominato cardinale nel 2001 da Giovanni Paolo II. Papa Francesco non solo è il primo papa proveniente dal continente americano, ma soprattutto è anche il primo gesuita salito al soglio pontificio.

La “Compagnia di Gesù”, di cui il cardinal Bergoglio è autorevole membro, fu fondata a Parigi nel 1534 da S. Ignazio di Loyola, osserva il voto di totale obbedienza al papa ed è particolarmente impegnata nelle missioni e nell’educazione. Lo scopo della Compagnia di Gesù è la difesa e la propagazione della fede, lavorare per il progresso spirituale dei fedeli mediante tutte le forme del ministero della parola (esercizi spirituali, sacramenti) e l’assistenza ai bisognosi (soprattutto in ospedali e carceri). I gesuiti sono impegnati nell’istruzione e nella ricerca scientifica, nella formazione dei sacerdoti, nella catechesi per gli adulti, nell’apostolato verso il mondo giovanile e le comunità di vita cristiana, nei mass media, nell’assistenza spirituale a categorie svantaggiate (profughi, persone emarginate). La elezione di Bergoglio, persona semplice e buona che già 8 anni fa era stato tra i “papabili” dopo Ratzinger, ha scosso il mondo intero.

La scelta di un gesuita, di un sudamericano, del nome di Francesco; nell’Anno della Fede, questi sono segni prodigiosi dell’illuminazione di Dio e del suo infinito amore per la Chiesa. Il CSI, eternamente grato al Signore per il dono di Benedetto XVI, esprime la sua profonda gioia e innalza una preghiera di riconoscenza allo Spirito Santo che ha illuminato il cammino della Chiesa universale con la elezione di Papa Francesco. Un Papa umile e concreto, saldo nella fede e nella preghiera, vicino ai poveri e agli ultimi, ma uomo moderno e dalla profonda esperienza pastorale. Un uomo che sicuramente sarà un grande Papa. Oggi abbiamo capito il grande disegno di Dio che, attraverso la scelta dolorosa di Benedetto XVI, ha dato un grande futuro alla Chiesa nel mondo.

L’autore - Chi è Redazione

Settimanale d'informazione del Centro Sportivo Italiano Comitato di Ravenna

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. I campi contrassegnati sono obbligatori *

*

BIGTheme.net • Free Website Templates - Downlaod Full Themes