Home | La pallavolo in ansia per Franco Loffredo

La pallavolo in ansia per Franco Loffredo

RAVENNA – Franco Loffredo, 39 anni, ex-giocatore di pallavolo ravennate ed oggi allenatore della formazione dei Vigili del Fuoco che milita in serie C, è stato coinvolto in un grave incidente stradale domenica pomeriggio, poco dopo le ore 15, in Via Berlinguer a Ravenna all'altezza della Questura, quando a bordo della sua moto è stato travolto da una automobile. La dinamica dell'incidente è ora al vaglio della Polizia Stradale. Le condizioni di Franco Loffredo, che nella vita è dipendente dell'Enel, sono apparse subito gravi ed è stato trasferito all'Ospedale Bufalini di Cesena, dove tutt'ora versa in prognosi riservata ed in stato di coma. La notizia lascia il mondo della pallavolo cittadina in stato di sbigottimento: appena un anno fa, nei primi giorni di agosto, veniva a mancare in un incidente analogo Mauro ''James'' Mazzoli, allenatore di pallavolo e vice-presidente della Teodora anche lui poco più che quartantenne. Molti gli amici di Loffredo che sono in trepidante attesa; tra costoro anche il Presidente del Csi Marco Guizzardi: ''La notizia mi ha raggelato – ha commentato – perchè l'amicizia con Franco risale a ben 35 anni fa; eravamo vicini di casa, abbiamo fatto i bambini insieme, e per tutta la mia infanzia è stato il più fedele compagno di giochi. Franco nasce da una famiglia di grande onestà, dignità e generosità, ed in lui questo patrimonio di valori è ancora saldo. Ha perso il padre, che lavorava nella stessa Polizia Stradale, quando era ancora un bambino ma nonostante questo ha terminato gli studi, ha fatto sport ad alti livelli, ha trovato un ottimo lavoro dove è molto stimato e non ha mai lasciato la sua passione per il volley. Invito tutti coloro che lo conoscono e apprezzano a pregare per la sua piena guarigione e affinchè possa tornare alla sua famiglia e alla sua società sportiva il prima possibile''. Sono decine di migliaia le persone che ogni anno entrano in coma per incidenti stradali o sul lavoro, ictus, arresti cardiaci, aneurismi, intossicazioni. Più di un terzo ne esce indenne, altri riportano danni più o meno gravi e per circa 300 di loro il coma evolve in stato vegetativo, che diventa permanente quando dura oltre tre mesi. Oggi, in tutto il paese, sarebbero 1500 i pazienti in stato vegetativo. Fra chi sopravvive ed esce dal coma, uno su quattro riporta gravi disabilità. Per dare voce alle famiglie che vivono la drammatica esperienza di un parente in coma e per offrire un momento di riflessione e approfondimento, con studiosi ed esperti, sulle nuove frontiere della ricerca e dell’assistenza, sabato 7 ottobre 2006 torna a Bologna la ''Giornata nazionale dei Risvegli per la ricerca sul coma – Vale la pena'', l’iniziativa a carattere sociale, scientifico e culturale, organizzata ogni anno dall’associazione di volontariato onlus di Bologna ''Gli amici di Luca''. Anche per il 2006, la ''Giornata dei Risvegli'' prevede conferenze, incontri e spettacoli sul tema del coma e del risveglio. Dopo un’anteprima, martedì 27 settembre a Bologna, con un seminario sugli ''Stati vegetativi cronici'', venerdì 6 e sabato 7 ottobre saranno le giornate centrali della ''Giornata dei Risvegli'', con incontri scientifici e anche momenti di intrattenimento. L’ottava “Giornata dei Risvegli per la ricerca sul coma” è promossa dall’associazione di volontariato onlus “Gli amici di Luca” sotto l’alto Patronato del Presidente della Repubblica, con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Ministero della Salute, e di: ANCI – Associazione Nazionale Comuni d’Italia; Associazione Rete Italiana Città Sane OMS; UNICEF Comitato per l’Italia; Rai – Segretariato sociale; CRI – Croce Rossa Italiana; CSI – Centro Sportivo italiano; Regione Emilia-Romagna; Azienda Usl di Bologna; Provincia di Bologna; Comune di Bologna; Comune di San Lazzaro di Savena; Comune di Casalecchio di Reno e molti altri preziosi sostenitori.

L’autore - Chi è Redazione

Settimanale d'informazione del Centro Sportivo Italiano Comitato di Ravenna

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. I campi contrassegnati sono obbligatori *

*

BIGTheme.net • Free Website Templates - Downlaod Full Themes