Le ASD italiane danno “voce allo sport di base”

Il mondo della promozione sportiva aderisce al documento “Dare voce allo sport di base”: Csi, Aics, Acsi, Uisp e Us Acli sostengono le ragioni delle società sportive, chiedono un confronto alle istituzioni, auspicano che l’adesione si estenda all’insieme degli Enti di promozione sportiva e delle Federazioni. Potremmo dare un segnale di estrema vitalità e protagonismo dell’intero movimento sportivo sostenendo, tutti insieme, questo documento rispetto al quale registriamo anche l’appoggio del Coni. Con il Coordinamento delle società promotrici è stato fissato un Incontro nazionale di tutte le associazioni sportive di base che si terrà sabato prossimo 3 marzo a Roma, dalle 10 alle 13, presso l’Acquario Romano, in piazza Manfredo Fanti 47. Il CSI concorda sull’analisi che viene fatta nel documento “Dare voce allo sport di base”: “Con la crisi vengono al pettine i problemi strutturali dello sport in Italia: lo stato non si occupa dello sport di base, le Regioni e gli Enti Locali non hanno gli strumenti e i fondi necessari, le poche leggi e normative di settore non aiutano lo sviluppo delle attività sul territorio. Il mondo sportivo organizzato nel Comitato Olimpico viene lasciato da solo a fronteggiare le attuali difficoltà. Eppure l’attività di promozione sportiva che noi realizziamo, ogni giorno, nel nostro territorio è fondamentale e insostituibile…”

Il punto è proprio questo, sottolineano i presidenti degli Enti di promozione sportiva: come dare voce e sostegno all’enorme patrimonio di esperienze e di volontariato che esiste nello sport di base? La crisi rischia di spezzare questo tessuto vitale per la partecipazione e la coesione sociale del Paese. L’importanza dello sport per tutti non va trascurata dalle amministrazioni regionali e locali, né dal governo nazionale, proprio in quanto protagonista dichiarato di una strategia di sviluppo per uscire dalla crisi. Lo sport per tutti promosso dalle società sportive del territorio significa salute e prevenzione per i cittadini di tutte le età. Per questo si chiedono politiche pubbliche orientate a questi obiettivi, in modo particolare in un momento di crisi come questo, perchè potrebbero consentire al Sistema sanitario di risparmiare risorse e ai cittadini di guadagnare salute. I presidenti (o altri dirigenti) delle nostre Società sportive sono quindi invitati a venire a Roma il 3 marzo. Esserci a questa maifestazione sarà importante e ai giornalisti sarà consegnato l’elenco nominativo delle società sportive presenti. E’ probabile anche la presenza del Ministro per lo Sport Pietro Gnudi. Ciascun partecipante dovrà provvedere organizzarsi e a pagarsi il viaggio in treno (l’Acquario Romano si trova a 500 metri dalla Stazione FS di Roma Termini).

Contiamo però fortemente sul desiderio delle Società sportive di cogliere fino in fondo un’occasione bella e preziosa come questa manifestazione. Siamo certi che questa discesa in campo a favore dei diritti delle Società sportive costituisca un’azione di cui tutta l’Associazione è orgogliosa. Di seguito è riportato il link attraverso il quale è possibile iscriversi per poter partecipare.

About Redazione

Settimanale d'informazione del Centro Sportivo Italiano Comitato di Ravenna

Check Also

Assemblee: tante novità e riconferme in Emilia Romagna

Sono in corso le assemblee territoriali CSI nella nostra Regione per il rinnovo dei Consigli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *