Home | Mercatali taglia lo sport ma è colpa del Governo

Mercatali taglia lo sport ma è colpa del Governo

RAVENNA – Il Sindaco di Ravenna, Widmer Mercatali, ha indetto per martedi sera 8 novembre alle ore 20,30 presso la Sala D'Attorre di Casa Melandri (in Via Ponte Marino) un incontro con i rappresentanti delle Associazioni di volontariato sociale, culturale e sportivo. Già la lettera è tutto un programma: "I tagli previsti dalla finanziaria in discussione in Parlamento sulle disponibilità dei Comuni renderebbero impossibile confermare il livello del sostegno alle famiglie ed al mondo del volontariato sociale, culturale, sportivo da noi garantito negli ultimi anni". Della serie: abbiamo fatto tanto, ma se vi togliamo quello che avete prendetevela con Berlusconi e Tremonti. E di fatto il Sindaco (qui a fianco nella foto con la maglietta degli "Interisti Leninisti"), che pare abbia velleità di carriera politica nazionale, è coerente con quello che alcuni giorni fa ha scritto. Vidmer Mercatali, in qualità di primo cittadino di Ravenna ma anche di presidente regionale dell’Anci, ha preso carta e penna per rivolgersi al ministro dell’Economia Giulio Tremonti e palesargli le difficoltà che in questi giorni accomunano gli ottomila sindaci italiani. Sindaci che, scrive Mercatali, "ogni giorno in prima linea con i cittadini per garantire il buon funzionamento di asili nido, scuole materne, manutenzione delle strade, pulizia e decoro della città, servizi sociali e culturali senza i quali il nostro Paese sarebbe sicuramente meno competitivo". Chi vive nel mondo dello sport ravennate da alcuni anni conosce bene il "nulla assoluto" che il Sindaco ha fatto per questo settore. Ben sa che Ravenna è un fanalino di coda in Regione per i contributi a sostegno dello sport. Ben sa che le nostre palestre scolastiche sono di bassa qualità ed insufficienti a soddisfare il fabbisogno. Ben sa come il Sindaco è stato assente da ogni confronto col mondo dello sport, se non presenziare ad un paio di inaugurazioni (o re-inaugurazioni). Forse è stato un pò più presente quando si parla di Ravenna Festival o di piste ciclabili… Ed il "nulla assoluto" oggi si traduce nelle mille difficoltà, anche banali se volete, nelle quali navigano le società sportive (soprattutto le più piccole), il mondo del volontariato, i genitori dei bambini ecc. Una città che dal punto di vista dello sport non ha più nulla da dire: un Sindaco che dal punto di vista dello sport non ha mai avuto nulla da dire, la cui opera più brillante è stata la scelta di Josefa Idem quale Assessore, alla quale però ha dato sempre poco denaro da investire. La sola idea che Mercatali possa diventare Deputato della Repubblica e che porti su scala nazionale le proprie "idee" in merito di volontariato e di sport, induce molte riflessioni soprattutto nel mondo della sinistra. Sinistra che, in generale, non è più di tanto colpevole della situazione; infatti in tante altre città della Regione, governate sempre da giunte di centro-sinistra, l'attenzione rivolta dai Sindaci al mondo dello sport è storicamente stata molto, molto, molto maggiore rispetto a ciò che si è verificato nella nostra città. Quindi è un male locale. Come Centro Sportivo Italiano, associazione senza alcun tipo di apparentamento politico, non ci permettiamo di dare indicazioni elettorali. Ma è certo che non possiamo non invitare il mondo delle società sportive, dei genitori, dei giovani, del volontariato a chiedere che quel fondo del barile non venga raschiato del tutto, ma soprattutto che si mantenga un minimo di dignità nel non scaricare con la solita facilità il barile sulle spalle degli altri, si chiamino essi "Governo" (di qualsiasi colore sia) e soprattutto si chiamino essi "cittadini". Ravenna non è amministrata nè da Tremonti nè dai singoli cittadini, ma da una persona che si chiama Widmer Mercatali. A lui vanno tutti i meriti delle strade in ottima condizione, dei parcheggi abbondanti, del sostegno alle associazioni che gratuitamente fanno ciò che il Comune non fa, delle scuole ben funzionanti e perfette, delle fogne che "tirano", degli uffici comunali che funzionano, degli asili nido disponibili per tutti, delle barriere architettoniche abbattute…. Ma se tutto ciò non è stato fatto, a lui andranno i demeriti….

L’autore - Chi è Redazione

Settimanale d'informazione del Centro Sportivo Italiano Comitato di Ravenna

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. I campi contrassegnati sono obbligatori *

*

BIGTheme.net • Free Website Templates - Downlaod Full Themes