Home | Nel week-end le ''vasche'' finali del nuoto

Nel week-end le ''vasche'' finali del nuoto

LIGNANO SABBIADORO (UD) – A pochi mesi dallo start che darà inizio ai Mondiali di Roma, un altro avvenimento mobilita il mondo del nuoto italiano: il 7° Gran Premio nazionale promosso dal Csi (Centro Sportivo Italiano) che si svolgerà dall’11 al 14 giugno a Lignano Sabbiadoro. Scenario delle gare sarà la piscina olimpica del “Villaggio Olimpico Sportivo” del PalaGetur. C’è spazio per ogni stile nella tre giorni di finale. Si comincia venerdì 12 giugno, a partire dalle 9:00, prime gare e prime medaglie da assegnare ai partecipanti dei 100 metri dorso e 50 metri rana. Nel pomeriggio, poi, si comporranno anche i podi dei 100 metri stile libero e 50 metri farfalla. Sabato 13 giugno sono previste altre finali: in mattinata quelle dei 50 metri stile libero e 100 metri rana; nel pomeriggio i 50 metri dorso e 100 metri farfalla. Domenica 14 giugno, in mattina, la conclusione della tre giorni con i 200 misti, la 4×50 metri di stile libero (femminile e maschile) e dei 200 metri stile libero. A scendere in vasca per aggiudicarsi i primati nazionali del Csi saranno 546 cuffie, di cui 300 maschi e 246 femmine, che giungeranno nella località friulana da 9 regioni italiane. Il gradino più alto del podio, per presenze regionali, se lo aggiudica la Lombardia con 169 iscritti, seguita dall’Emilia Romagna (89) e dal Lazio (83). La società con più atleti al seguito è però friulana; sono 38 i finalisti della Gymnasium Pordenone. Oltre trenta nuotatori anche per la Dimensione Sport Como (36), per la Rari Nantes Valsugana (34 i trentini) e per i due sodalizi reggiani, Nuoto Club Il Sesamo (33 partecipanti) e Csi Nuoto O. Ferrari (31). Folte le pattuglie capitoline del Csi Roma Flaminio e del Csi Roma Est, una sessantina di costumi in totale, così come assai nutrita la spedizione proveniente dalla Sardegna, con 26 iscritti del San Gavino (Medio Campidano) alle gare di finale. Curiosi sono anche i dati relativi all’anagrafe dei partecipanti. Sì, perché se in una corsia si possono trovare gli ever green Silvano Aor, classe 1951 della Rari Nantes e la lariana Maria Francesca Abbruscato del 1957, in un'altra corsia e batteria scenderanno in vasca degli autentici nuotatori in erba come Nicolò Lecce, nato nella notte di San Silvestro del 2001, e Greta Possanza che, invece, è nata nel 2002 e gareggia per il Vitorchiano Viterbo. A bordo vasca, per rimanere in tema, sarà anche la Celebrazione Eucaristica, che Mons. Claudio Paganini, il consulente ecclesiastico nazionale del Csi, ha fissato per le ore 19 di sabato.

L’autore - Chi è Redazione

Settimanale d'informazione del Centro Sportivo Italiano Comitato di Ravenna

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. I campi contrassegnati sono obbligatori *

*

BIGTheme.net • Free Website Templates - Downlaod Full Themes