Home | Saranno 850 sui tatami del judo e del karate

Saranno 850 sui tatami del judo e del karate

LIGNANO SABBIADORO (UD) – A pochi giorni dal 7° Gran Premio nazionale CSI di judo e karate, il Csi può registrare un altro record in questa stagione sportiva. In viaggio verso il PalaGetur nel villaggio sportivo di Lignano Sabbiadoro (UD) per sognare il titolo nazionale delle arti marziali Csi ci sono ospiterà sabato 16 e domenica 17 maggio le finali del karate (solo sabato pomeriggio) e quelle del Judo nelle due mattinate del week-end. Otto le regioni rappresentate a Lignano, con la Lombardia (più di 500 atleti al seguito) predominante, seguita da Veneto, Emilia Romagna, Lazio, Friuli, Sardegna, Liguria e Trentino Alto Adige In totale sono più di 850 i finalisti nelle due arti marziali. Nel karate sono cinque le specialità: athletik karate, percorso per i più piccoli, kata (singoli e a squadre), jiyu ippon kumite (combattimento semilibero), jiyu kumite (libero) e kumite open, per maggiorenni senza limite di peso. Sulle pedane si alterneranno i 538 karateka (323 maschi e 215 femmine) in gara nel singolo, suddivisi per peso, cintura, età e sesso. Poi sarà il momento delle squadre dei kata (tre atleti per formazione) e la novità 2009 del kata a coppie con tante categorie in gioco. Si partirà con i kata, Jokarate, e kata a squadre per chiudere in serata con i kumite ''open'' e con lo speciale kata ''Silver'' riservato agli over 50. Nelle due mattinate del sabato e della domenica l’appuntamento con l’oro nazionale è per i 302 judoka del Csi, di cui 138 lombardi. Sono sei le categorie ammesse in finale: un centinaio gli esordienti A (11-12 anni) pronti ad essere protagonisti di giornata con il Giocajudo, in programma sabato mattina; poi gli esordienti B (13-14 ani) i cadetti (15-16 anni), gli juniores (17-19 anni) i seniores (20-35 anni) e i Master (over 35). Per ogni categoria verrà eletto il nuovo campione nazionale per classi di peso, indipendentemente dal colore della cintura. Sono ammesse tecniche di proiezione (nage-waza) e di immobilizzazione (katame-waza), eccetto che negli esordienti, dove sono vietati sia leve, sia strangolamenti. Il colori del nostro Comitato CSI di Ravenna saranno rappresentati dagli atleti del Team Romagna Judo.

L’autore - Chi è Redazione

Settimanale d'informazione del Centro Sportivo Italiano Comitato di Ravenna

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. I campi contrassegnati sono obbligatori *

*

BIGTheme.net • Free Website Templates - Downlaod Full Themes