Home | CSI in Italia | Scudetti: da Prandelli un assist ai finalisti CSI

Scudetti: da Prandelli un assist ai finalisti CSI

Calcio, pallavolo, pallacanestro: è in corso la caccia agli scudetti del Centro Sportivo Italiano. Dal 18 giugno, fino a mercoledì 22, presso il Villaggio olimpico Ge.Tur. di Lignano Sabbiadoro (UD), si sono disputate le fasi finali dei campionati di calcio a 11 e pallavolo, cui parteciperanno 343 atleti. Dal 22 giugno fino a domenica 26, presso lo stesso centro sportivo, sono scesi in campo i 408 giocatori di calcio a 5, calcio a 7 e pallacanestro. Saranno in totale dodici gli scudetti blu-arancio del Csi ad essere messi in palio: calcio a 11 allievi e juniores; pallavolo juniores femminile e allievi maschile e femminile; calcio a 5 e calcio a 7 allievi e juniores; calcio a 5 disabili, pallacanestro allievi e juniores. Il 22 giugno si sono disputate le finali di calcio a 11 e pallavolo, al termine delle quali le squadre vincitrici sono state premiate. Il 26 giugno gli scontri decisivi per calcio a 5, calcio a 7 e pallacanestro. Sono 6 le formazioni iscritte, provenienti da Sicilia, Sardegna, Lombardia (2), Emilia, e Toscana.

Nell’arco della settimana sono 70 i fischietti impegnati a dirigere le gare nelle diverse discipline, tra le 55 pretendenti al titolo, giunte in Friuli. Incoraggiamenti prestigiosi per i giovani calciatori del Csi, giungono niente meno che dal commissario tecnico della Nazionale azzurra di calcio, Cesare Prandelli: «Partecipare alla Fase finale di una competizione è senza dubbio un appuntamento affascinante nella storia sportiva di un calciatore: dà un senso di compiutezza ai propri sacrifici, al lavoro svolto, suscita nuovi stimoli finalizzati al raggiungimento di ulteriori traguardi, accresce il senso di appartenenza alla propria squadra. Ma il calcio è, e deve soprattutto rimanere, un gioco. L’eccesso di aspettative nel risultato annulla la magia del divertimento, limita la possibilità per un calciatore di esprimersi in base alle proprie caratteristiche, ridimensiona la prestazione e il piacere di condividere un progetto comune. I tanti campioni azzurri che come voi in gioventù hanno calcato i campi del Csi – Rivera, Cabrini, Boninsegna, solo per citarne alcuni – hanno lasciato al calcio una testimonianza preziosa e imprescindibile: imparare a giocare divertendosi è un privilegio che può durare tutta una vita».

Ai finalisti arriva il messaggio beneaugurante del presidente nazionale del Csi, Massimo Achini: «Amicizie, emozioni, preghiera, festa, veri valori della vita… vi aspettano “dentro e fuori” i campi di Lignano, in queste intense giornate dove una sana dimensione agonistica ed una fortissima dimensione educativa si “mischiano insieme”, diventando due gambe di una stessa indimenticabile esperienza. Una finale nazionale del CSI è infatti, prima di tutto, un’incredibile esperienza umana. Abbiamo piena fiducia nei giovani ed in voi per vincere la sfida educativa nella vita. Insomma, oltre alle medaglie e agli scudetti in palio, siete chiamati a conquistare in questi giorni il titolo di “campioni nella vita”».

L’autore - Chi è Redazione

Settimanale d'informazione del Centro Sportivo Italiano Comitato di Ravenna

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. I campi contrassegnati sono obbligatori *

*

BIGTheme.net • Free Website Templates - Downlaod Full Themes