Home | Si è svolto a Roma il Consiglio Nazionale CSI

Si è svolto a Roma il Consiglio Nazionale CSI

ROMA – Si sono svolti sabato e domenica 7 e 8 novembre, al Summit Hotel di Roma, i lavori del Consiglio Nazionale, l'ultimo di questo 2009. Tantissimi sono stati i temi toccati in due giorni di intensa discussione, ma il "cuore" del dibattito è stata la approvazione del bilancio preventivo del 2010, trasformatosi negli anni da semplice atto amministrativo, quasi "pro forma" a vero e proprio strumento di politica associativa. E' infatti nel bilancio preventivo di una associazione che si possono fin da subito guidare le scelte strategiche del 2010, indirizzando gli investimenti delle risorse verso un capitolo di spesa anzichè un altro, influnezando così la vita di tutta l'associazione per l'anno successivo. E' chiaro che quindi la discussione è stata pienamente centrata sul "merito" degli investimenti. Tagli e incremento di fondi, vuol dire far chiudere o far sviluppare una attività piuttosto che un'altra. Dalle pieghe del bilancio 2010 è sattao previsto un utile di 292.000 euro, proveniente in parte (189.000 euro) da maggiori entrate e il ersto (103.000) euro da tagli alle spese, cioè da risparmi su costi di gestione. Di questi 292.000 euro, oltre 46.000 euro saranno destinati in più tività sportiva (27.00 euro in più per le Finali Nazionali e 19.000 euro sul progetto arbitri) e 60.000 euro in più andranno ai corsi formativi. Altri 65.000 euro andranno alla Comunicazione (ripresa della stampa di Stadium), 80.000 euro per il personale (1 nuovo dirigente + 3 trasformazioni di co.Co.Pro. in assunzioni a tempo indeterminato), 15.000 euro per far ripartire l'attività sportiva internazionale, 6.000 euro in più alle regioni ed infine 20.000 euro in più per il progetto "Sport e Diocesi". Altra importante decisione, su proposta del "nostro" Consigliere Guizzardi, è la riapertura della ex-Scuola Nazionale Quadri, sotto forma di Scuola di Politica Associativa, con lo scopo di creare una formazione permanente per coloro che vogliono imparare il "mestiere" di dirigenti del CSI. Creare il futuro della associazione, generando un gruppo di persone preparate al ruolo di Presidente di Comitato o vicepresidente, o di amministratore, o di segretario, o di coordinatore tecnico e formativo, o di consigliere, attraverso il trasferimento di esperienze di politica e di management associativo, è lo scopo di questa idea di Scuola Nazionale. In contemporanea al Consiglio Nazionale, si sono svolti alla sala Tokio del Summit per tutta la giornata di sabato, anche i lavori generali delle Commissioni Tecniche Provinciali di Ginnastica Artistica e Ritmica (nella foto). Per il Comitato di Ravenna, vista l'assenza per maternità di Lorena Leoni, è andata Silvia Emiliani, che insegna per il CSI a Lugo. Lunga e dibattuta riunione, per fissare regolamenti tecnici finalmente condivisi dal territorio e uniformi in tutto il Paese.

L’autore - Chi è Redazione

Settimanale d'informazione del Centro Sportivo Italiano Comitato di Ravenna

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. I campi contrassegnati sono obbligatori *

*

BIGTheme.net • Free Website Templates - Downlaod Full Themes