Tokio 2020: una Olimpiade all’idrogeno

Innovare il futuro partendo dal passato si può. A dimostrarcelo è la capitale giapponese, città che ospiterà i Giochi olimpici del 2020 e che, con un budget di 2,5 miliardi, intende sviluppare un importante ed innovativo progetto per il futuro. L’idea è frutto di una visione a lungo termine e sarà d’esempio di espansione sostenibile delle attività economiche attraverso accordi speciali quale l’uso dell’idrogeno come fonte di energia.

L’impiego dell’idrogeno, infatti, servirà per far funzionare il villaggio olimpico, gli autobus e i ristoranti. Il Villaggio Olimpico, che ospiterà circa 17.000 addetti ai lavori, sarà una “città a idrogeno” in cui l’elettricità e l’acqua calda saranno generati da tale risorsa, attraverso celle a combustibile, come ha riferito il giornale locale Yomiuri. La possibilità tecnica basata sull’utilizzo di questo combustibile nasce da un brevetto della Toyota Motor Corporation. Questo progetto è una sfida per un paese povero di materie prime come il Giappone, ma che ha puntato tutto sulla tecnologica fin dai Giochi del 1964. Non a caso, la multinazionale giapponese, ha venduto il mese scorso la “Mirai” (“futuro” in giapponese), la prima berlina che si muove ad idrogeno.

About Redazione

Settimanale d'informazione del Centro Sportivo Italiano Comitato di Ravenna

Check Also

Un resort particolare

La proposta è a dir poco insolita. Se avete voglia di vivere una “vacanza” diversa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *